Rev 2 La buona scelta Agora Servizi

 

Manifesto Non è un paese per giovani

Dal 23 marzo nelle sale cinematografiche si proietta il film "Non è un paese per giovani" per la regia di Giovanni Veronesi, all'interno del quale il Timorasso Derthona sarà un "prezioso cameo".

La presentazione ufficiale si è tenuta a Roma il 16 marzo, dove a rappresentare il territorio erano presenti Giacomo e Sara Boveri.

Il film è una co-produzione italo-spagnola Paco Cinematografica, Neo Art Producciones e Rai cinema con la partecipazione di Filippo Scicchitano, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e con Sergio Rubini e Nino Frassica. Colonna sonora originale di Giuliano Sangiorgi. In una delle prime scene Sandro e Luciano, i due protagonisti del film, hanno a che fare con il Timorasso, richiesto da un cliente al tavolo e che Sandro va a prendere in cantina dopo essere stato informato da Luciano sulle caratteristiche di questo vino bianco da invecchiamento.

Il film ha ottenuto il riconosciuto di interesse culturale dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale Cinema.

Il film è tratto da una trasmissione radiofonica. Un’esperienza fatta di dirette tutti i giorni a Radio 2, dove sono chiamati dei ragazzi italiani all’estero che raccontano la loro storia e perché se ne sono andati dall’Italia. Le risposte sono state a volte divertenti, ma a volte di una spietatezza insostenibile. “Più di centomila ragazzi l’anno se ne vanno dall’Italia in silenzio, senza fare rumore. Sono questi - spiega Giovanni Veronesi - i ragazzi raccontati in "Non è un paese per giovani” (il titolo è lo stesso, appunto, del programma di Radio 2).

Il film racconta la storia si due giovani che cercano all'estero il loro posto nel mondo.

Restando in italia, una vita senza alcuna prospettiva certa. All'estero chissà, forse vale la pena tentare.

I due ragazzi, poco più che ventenni, ci provano insieme. Diversi, ma in cerca della stessa cosa: un futuro. Si chiamano Sandro e Luciano e potrebbero avere molti altri nomi, ma le loro storie sono quelle di tanti altri ragazzi che cercano fuori dall'Italia il loro posto nel mondo.

Sandro è gentile, a volte insicuro e il suo sogno segreto è diventare uno scrittore. Luciano invece è coraggioso e brillante, ma con un misterioso lato oscuro. S’incontrano tra i tavoli di un ristorante, dove lavorano entrambi come camerieri. Come tanti loro coetanei, Sandro e Luciano sentono che la loro vita in Italia non ha alcuna prospettiva. Si scelgono istintivamente e decidono, presi da un’euforica incoscienza, di cercare un futuro per loro a Cuba, la nuova frontiera della speranza dove tutto può ancora accadere.

Il progetto è quello di aprire un ristorante italiano che offra ai clienti il wi-fi -ancora raro sull'isola- grazie alle nuove ma limitate concessioni governative.

Con Nora, la strana ragazza che li aspetta all’Avana come un destino, scopriranno che esiste anche un modo glorioso di perdersi, che darà un senso profondo alla fatalità che li ha fatti incontrare. Attraverso scelte pericolose, violente, incontri necessari e addii pieni di silenzio.

192

"Non è un paese per giovani" racconta la tenacia e la bellezza di una generazione che anche se privata di un luogo dove diventare grandi non si lascia spegnere.

chinafrendly

CaDelMonte.jpg
Cantieri-Sportivi.jpg
bannerenotecaacqui
cortedibrignano
Logomondo.jpg
vivitortona